• Spedizione gratuita per acquisti superiori a € 69,00 IVA inclusa 

    (solo per spedizioni in Italia)
  • Spedizione gratuita per acquisti superiori a € 69,00 IVA inclusa 

    (solo per spedizioni in Italia)

Testa di Moro Nino Parrucca con Pale di Fichi d'India

Disponibile
€ 55,00
Potrai personalizzare questo prodotto
le informazioni da personalizzare ti verranno chieste dopo averlo aggiunto al carrello:

Restituzione fino a 14 gg

truck

Promo spedizione

Consegna prevista tra 24 giorni
Spedizione
10,00 € (variabile per alcune destinazioni, prodotti e quantità)
Gratuita per acquisti superiori a € 69,00 IVA inclusa   (solo per spedizioni in Italia)
Supplemento spedizione
0,00 € (Questo prodotto necessita di un imballo speciale)
Si consegna a
Australia,  Belgio,  Canada,  Finlandia,  Francia,  Germania,  Giappone,  Regno Unito,  Paesi Bassi,  Stati Uniti D'america,  Svizzera,  Italia
Se ritiri in sede
Selezionando "Ritiro in Sede" in fase di acquisto, non hai spese di spedizione e godi del servizio "Pacco Pronto al Banco". Puoi ritirare l'ordine in "Pronta Consegna" in Via San Lorenzo, 291 R Palermo (PA)
  • Codice: 184/i
  • GTIN:

Art. 184I - Testa di moro in ceramica in versione uomo o donna con frutta in altorilievo posta su corona e turbante.
Queste teste -184/I - hanno un'altezza di circa 13,5 centimetri e un diametro di corona di circa 6 cm, mentre la larghezza totale è di circa 9/12 centimetri.
Ogni testa è realizzata a mano, i frutti vengono modellati ed inseriti manualmente questo significa che sia le posizioni che le misure possono subire delle leggere modifiche rispetto a quelle inserite.

Questi oggetti possono essere utilizzati sia come vasi per fiori, che come soprammobili o anche come centrotavola durante le cene.
 

La Testa di Moro è  un simbolo fortemente radicato nella tradizione siciliana.
La leggenda racconta di un moro che arrivato nel 1100 alla Kalsa, quartiere di Palermo, vide  di una giovane donna intenta a coltivare erbe aromatiche nel proprio balcone e se ne innamorò, ma dopo averla sedotta, le disse che sarebbe tornato dalla moglie e dai figli.

La fanciulla, oltraggiata dall'abbandono, gli tagliò via la testa e la usò come vaso per contenere il basilico che crebbe rigoglioso causando l'invia dei vicini che si fecero costruire dei vasi in ceramica a forma di testa da mettere nelle proprie case.

Condividi

Carrello