• Spedizione gratuita per acquisti superiori a € 69,00 IVA inclusa 

    (solo per spedizioni in Italia)

TESTA DI MORO Nino Parrucca con Frutta altorilievo

Disponibile
€ 80,00 -12,50%
€ 70,00
Potrai personalizzare questo prodotto
le informazioni da personalizzare ti verranno chieste dopo averlo aggiunto al carrello:

Restituzione fino a 14 gg

truck

Spedizione gratuita

Consegna prevista tra 24 giorni
Spedizione
Gratuita (variabile per alcune destinazioni, prodotti e quantità)
Gratuita per acquisti superiori a € 69,00 IVA inclusa   (solo per spedizioni in Italia)
Supplemento spedizione
0,00 € (Questo prodotto necessita di un imballo speciale)
Si consegna a
Australia,  Austria,  Belgio,  Canada,  Danimarca,  Finlandia,  Francia,  Germania,  Giappone,  Regno Unito,  Irlanda,  Malta,  Monaco,  Paesi Bassi,  Polonia,  Spagna,  Stati Uniti D'america,  Svizzera,  Italia
Se ritiri in sede
Selezionando "Ritiro in Sede" in fase di acquisto, non hai spese di spedizione e godi del servizio "Pacco Pronto al Banco". Puoi ritirare l'ordine in "Pronta Consegna" in Via San Lorenzo, 291 R Palermo (PA)
  • Codice: 184G
  • GTIN:

Testa di moro in ceramica in versione uomo o donna con frutta in altorilievo su corona e turbante.
Queste testa - cod. 184/G -  hanno un'altezza di circa 17 centimetri e una larghezza totale di circa 15/17 centimetri.
Ogni testa è realizzata a mano, i frutti vengono modellati ed inseriti manualmente questo significa che sia le posizioni che le misure possono subire delle leggere modifiche rispetto a quelle inserite.

 
Questi oggetti possono essere utilizzati sia come vasi per fiori, che come soprammobili o anche come centrotavola durante le cene.
 

La Testa di Moro è  un simbolo fortemente radicato nella tradizione siciliana.

La leggenda racconta di un moro che arrivato nel 1100 alla Kalsa, quartiere di Palermo, vide  di una giovane donna intenta a coltivare erbe aromatiche nel proprio balcone e se ne innamorò, ma dopo averla sedotta, le disse che sarebbe tornato dalla moglie e dai figli.
La fanciulla, oltraggiata dall'abbandono, gli tagliò via la testa e la usò come vaso per contenere il basilico che crebbe rigoglioso causando l'invia dei vicini che si fecero costruire dei vasi in ceramica a forma di testa da mettere nelle proprie case.

 

Condividi

Carrello